sabato 7 maggio 2016

Carbonara agli asparagi verdi-viola di Santena.

Già gli antichi romani, Catullo e Plinio ne danno testimonianza, imbandivano le tavole di asparagi grazie alle loro proprietà salutari: depurativi e diuretici favoriscono il drenaggio di fegato e reni.
Famosi e rinomati nel mondo sono gli asparagi verdi-viola di Santena, una cittadina a venti chilometri da Torino, dove il Po scorre nelle vicinanze e il torrente Banna attraversa l'abitato dividendolo in due. Il terreno pianeggiante e sabbioso fin dal 1700 ne favorisce la coltivazione.
Il conte Cavour nel 1800 ne rafforza il commercio facendosi sponsor molto attivo, del resto da ex Ministro  dell'Agricoltura aveva già promosso nel vercellese e con lungimiranza l'industria del riso!
A colorare i turioni ossia i delicati germogli degli asparagi ci pensa il sole e l'intensità cromatica dipende appunto da quanto tempo restano esposti alla sua luce prima della raccolta, che inizia ad aprile e termina a metà giugno.
Questo gentile dono appartiene alla odierna raccolta, che risulta essere la migliore!
Ho pensato di utilizzarli per il mio piatto preferito: la carbonara di asparagi!
Un tocco in più? Il curry!

Ingredienti:
spaghetti
sale grosso
asparagi
cipolla
due uova
formaggio grattugiato
olio
pancetta a dadini
curry.

Procedimento.
Portare ad ebollizione l'acqua, gettate una manciata di sale grosso e fate cuocere gli spaghetti.
Intanto in una padella antiaderente fate stufare gli asparagi tagliati a dadini e lasciate le punte integre, irrorate con olio aggiungendo la cipolla tagliata finemente e la pancetta a dadini. Unite un po' di acqua di cottura, una manciata di curry in polvere e coprite con coperchio.
A parte in una cocumina rompete due uova e, se potete, evitate di sbatterle con una forchetta, bensì procedete a mano...legheranno di più con gli altri ingredienti! Amalgamatele con del formaggio grattugiato.
Scolate la pasta al dente e conditela con asparagi e uova e servite subito in tavola!
I Vostri commensali ne apprezzeranno colore e sapore!
Il convento della Chiesa di San Lorenzo augura buon appetito aspettandoVi per la prossima ricetta!!

Nessun commento:

Posta un commento