mercoledì 10 febbraio 2016

Non dimentichiamo le foibe: il massacro degli italiani.

Nel 2005 il governo italiano decretò il 10 febbraio come "giornata per non dimenticare le foibe" affinché fosse sempre vivo il ricordo degli undicimila italiani che tra il 1943 e il 1945  furono privati delle loro case e deportati per lo più nei campi di prigionia jugoslavi e i loro corpi gettati nei grandi inghiottitoi carsici chiamati "foibe".
Tali eccidi, poco ricordati sui libri di storia, avvennero durante la seconda guerra mondiale  e nell'immediato dopoguerra, crollato il regime fascista, a danno della popolazione della Venezia Giulia e della Dalmazia in seguito alla disputa fra italiani e slavi per il possesso territoriale delle terre sull'Adriatico orientale.

Nessun commento:

Posta un commento