lunedì 10 agosto 2015

Tredici di Cuori nelle Sibille: il Gran Signore.

Tredici di cuori o coppe “Gran Signore”
didascalia: protettore ricco – generoso

Eccoci giunti all’ultima carta di cuori del mazzo della “Vera Sibilla”, questa è un’altra carta che è usata spesso come carta del consultante: indica un uomo sposato, adulto e maturo che si può paragonarlo alla figura di Giove, in quanto è un uomo che  protegge e assiste; in altri casi può rappresentare la figura del marito, quando il consultante è una donna sposata.
Osserviamo i dettagli della carta del “Gran Signore”: possiamo vedere, in primo piano, una figura maschile vestita sontuosamente, ciò ci fa intuire che è un uomo facoltoso e ricco e, non solo per quanto riguarda l’aspetto economico, ma anche per quanto riguarda le caratteristiche personali, cioè si tratta di un uomo generoso e ricco negli intenti, nel modo di porsi agli altri e di essere, come recita la didascalia della carta, un protettore, ossia una persona che aiuta e che è vicina agli altri. Sullo sfondo notiamo un palazzo, o perlomeno quello che sembra la parte inferiore di un palazzo, di fattura importante, che rafforza il significato di persona forte e protettiva.
Sicuramente è una carta positiva, indica un uomo di buoni sentimenti che aiuta e protegge, che ha buoni propositi verso il consultante; quando diventa negativa, con carte negative intorno, rappresenta un uomo affascinante che però tende all’egoismo e a pensare molto a se stesso.
Valutiamo qualche abbinamento, il più bello è sicuramente quello con la carta “Amore” dove indica l’uomo amato e che ci ama perché ha dei sentimenti forti e importanti; con accanto la carta della “Fedeltà” indica un rapporto sentimentale con un uomo fedele e innamorato; con vicino la carta del “Pensiero” indica una persona importante e amica che ci è vicina e che ci potrebbe aiutare in un momento difficile, con accanto il “Mercante” significa che ci sono delle opportunità lavorative importanti e interessanti legate a qualcuno che ci può dare un indizio o indicazione valide.
Se troviamo la carta “Gran signore” vicino alla carta della “Falsità”, questa combinazione ci avverte che una persona su cui si conta o che sembra benevola è, invece, poco chiara e che dobbiamo essere accorti; con accanto il “Dispiacere” significa che è probabile che le notizie che ci provengono da una certa persona non siano piacevoli.

Nessun commento:

Posta un commento